Udine, Venerdì 3 settembre.

Nel pieno rispetto delle norme per il contrasto e la prevenzione della diffusione del contagio da Covid-19, si è svolto oggi il passaggio di consegne tra il Generale di Brigata Alberto Vezzoli e il parigrado Fabio Majoli.
Nel chiostro cinquecentesco della Caserma “Di Prampero” di Udine, dopo quasi tre anni in Friuli, il Gen. Vezzoli ha ceduto il comando di una delle brigate più prestigiose dell’Esercito. Durante il periodo trascorso alla guida delle penne nere della “Julia” il Gen. Vezzoli ha condotto la brigata per la prima volta al Comando dell’Operazione “Strade Sicure” a Roma, da giugno a dicembre 2019, e per la quinta volta in Afghanistan, in conformazione Multinational Land Force, per la Missione NATO “Resolute Support”, da luglio 2020 a gennaio 2021.
Alla cerimonia hanno preso parte tutte le Bandiere di guerra dei Reparti della “Julia”, unità dislocate in Friuli Venezia Giulia, Trentino Alto Adige e Veneto. Il Generale di Corpo d’Armata Claudio Berto, Comandante delle Truppe Alpine, ha presieduto la cerimonia quale massima autorità militare, oltre alle rappresentanze delle Forze Armate Slovene, Ungheresi e Statunitensi. A testimonianza del forte legame della “Julia” con il territorio erano presenti S.E. il Prefetto dott. Massimo Marchesiello, il Sindaco del Comune di Udine on. Pietro Fontanini, l’Assessore Regionale alle finanze Barbara Zilli, in rappresentanza della Giunta Regionale del Friuli Venezia Giulia e il Presidente dell’Associazione Nazionale Alpini Sebastiano Favero, la professoressa Paola Carnielli Del Din, Medaglia d’Oro al Valor Militare ed il Presidente del Consiglio Regionale F.V.G. Piero Mario Zanin.
Il Generale Vezzoli nel suo discorso di commiato ha voluto sottolineare la propria soddisfazione per quanto realizzato assieme, in questi due anni e nove mesi ed ha manifestato la propria riconoscenza per la professionalità e i sacrifici fatti.
Il Generale Fabio Majoli, che ha da poco lasciato l’incarico di Capo di Stato Maggiore del Comando Truppe Alpine di Bolzano, ha espresso la sua profonda gratitudine al Comandante delle Truppe Alpine per l’onore dell’incarico assegnatogli, di Comandante della “Julia”. Fiero di rientrare nei ranghi della Brigata in Friuli, dopo le assegnazioni precedenti in Alto Adige e Veneto. Il Generale Majoli ha salutato, rivolgendosi al Sindaco, tutti i cittadini della città di Udine, affermando che le penne nere della “Julia” “sono e saranno sempre a vostra disposizione”.
A premessa della cerimonia, i due Comandanti, accompagnati da un picchetto in armi e dalla Fanfara della Brigata Alpina “Julia”, hanno deposto una corona d’alloro ai monumenti ai Caduti della Brigata situati all’interno della stessa sede di via Sant’Agostino, al Tempio Ossario e al Tempietto di Piazza Libertà a Udine.