GRUPPO DI LUCINICO

LUCINICO

Via del Collio, 20/b  – 34170 – Gorizia

e mail : lucinico.gorizia@ana .it

CAPOGRUPPO: Gabriele MONTANAR

DIRETTIVO:

FRANCESCOTTO Ederino, BENOSSI Sandro, BRANDOLIN Diego, COCIANNI Massimo, DOMINI Paolo, GHERARDI Marco, GLESSI Alessio, IPPOLITO Giorgio, KOCEVAR Ezio, PELLIZZARI Paolo, PERESSINI Tullio, ROBAZZA Rolando, SKARABOT Ermanno, VIDOZ Aldo.

Anno di Costituzione 1983

L’idea di dar vita al Gruppo Alpini di Lucinico è nata nell’ottobre del 1982, in occasione del ’’licof’’ relativo all’ampliamento della casa di via Licinio dell’Alpino Sergio Vidoz detto ‘’ Baja’’, dove si ritrovarono per un primo progetto Piereugenio Cargnel, Livio Perco, Giuseppe Ipavez, Pietro Rigo, Eugenio Morandin e l’aggregato Alpino Livio Stanic. In un successivo incontro avvenuto nel gennaio 1983, alla presenza degli Alpini Piereugenio Cargnel, Sergio Vidoz, Giorgio Romanzin, Livio Perco, Eugenio e Pietro Morandin, Paolo Pellizzari ed Eraldo Vorisi, si decise che la costituzione ufficiale del Gruppo dovesse aver luogo domenica 17 aprile 1983.
Quella domenica, con l’accompagnamento della Fanfara della ‘’Julia’’, alla presenza del Sottosegretario alla Difesa Scovacricchi e delle massime autorità regionali il Gruppo Alpini di Lucinico si presentò al paese. A fare da madrina c’era la signora Lidia Sfiligoj, vedova di Augusto Bregant, valoroso Artigliere caduto in Russia. Nell’occasione venne anche inaugurato il Monumento in ricordo dei Caduti in Piazza S.Giorgio, opera ideata e costruita dal Prof. Silvano Bevilacqua e voluta fortemente dal Gruppo.
In breve tempo il Gruppo si arricchì di quasi una cinquantina di Alpini iscritti anche se mancava una sede fissa per radunarsi e si passò nel corso degli anni temporaneamente da Villa Nella, Osteria al Coltivatore e Centro Civico.
Su un fondo acquistato in precedenza con tanto lavoro e fatiche venne terminato l’assemblaggio e la messa in opera di due prefabbricati donati dal comune e dalla popolazione di Buja e usati nel post terremoto del 1976. Il 4 giugno 1989 avvenne l’inaugurazione della nuova sede degli Alpini di Lucinico dove tutt’ora risiede il Gruppo e che svolge egregiamente il suo ruolo in via del Collio 20/b anche con manifestazioni Sezionali.
Scorrono gli anni con parecchi impegni Alpini nel sociale e alla cerimonia del 15° di fondazione viene benedetto il secondo gagliardetto di Gruppo che porta come madrina la Sig.ra Maurizia Marini, nipote dell’Alpino lucinichese Bruno Bressan, valorosamente Caduto durante la Campagna di Russia e decorato con la Croce di Guerra al valor militare.
Il Gruppo è gemellato dal 22 aprile 1990 con il Gruppo Alpini di Madonna di Campagna (Torino), dall’8 settembre 1996 con il Gruppo Alpini di Forni di Sotto, dall’ aprile 2001 con il corpo militare austriaco del Kameradschaftsbund della cittadina di Altlichtenwarth (Austria) ed ha una ottima amicizia con il gruppo Alpini di Castelgomberto (Vi), terra di origine del Generale Sergio Meneguzzo già Presidente della Sezione Alpini di Gorizia.
Il Gruppo ha tra le sue fila una corposa squadra di Protezione Civile (circa 30 persone) che è di aiuto nell’assistenza stradale in varie manifestazioni sia in paese che a Gorizia, un supporto radio con la squadra telecomunicazioni e un supporto medico con la nascente squadra sanitaria, ed ha effettuato più volte un turno nelle calamità naturali nazionali (l’Aquila, Emilia Romagna).
Dalla fondazione in poi il Gruppo ha avuto solo due capigruppo che si sono avvicendati tra loro: Piereugenio Cargnel e Giorgio Romanzin che tanto hanno fatto e bene per portare avanti la storia delle penne nere lucinichesi e solo nel 2019 si è verificato un vero e proprio cambio generazionale con la nomina di Montanar Gabriele alla guida del gruppo.
Attività del Gruppo
Il Gruppo è’ impegnato attivamente sia sul sociale come presenza e supporto alle attività del paese, sia nel vero e proprio spirito alpino, mettendo in risalto sempre valori quali solidarietà, fratellanza, spirito di corpo e non ultimo ricordo di chi ha dato tanto prima di noi.
Le tre manifestazioni più significative che si tramandano da anni sono:
– 6 gennaio: Befana Alpina con accensione “pignarul” epifanico con dolci per i più piccoli.
– Ultima domenica di marzo: Scarpinata del Monte Calvario- trofeo Gen. Sergio Meneguzzo della sezione A.N.A. di Gorizia, marcia non competitiva sui sentieri storici della Grande Guerra e prima vera e propria passeggiata panoramica primaverile aperta a tutti.
– Terza domenica di ottobre: Castagnata Alpina con castagne e ribolla aperta a tutti.
– Primo week end di agosto: Visita in Austria ai gemellati del reparto militare austriaco Kameradschaftsbund della cittadina di Altlichtenwarth.
Oltre a queste principali attività il gruppo prepara le castagne sia all’asilo materno ‘’Boemo’’ che alla casa di riposo’’Culot’’, offre la propria sede per la festa di fine anno scolastico alle scuole, collabora all’organizzazione della festa denominata “over 60” e partecipa alla raccolta di tappi in plastica a favore della casa ‘’Via di Natale’’ del CRO di Aviano.

Le manifestazioni più significative che si tramandano da anni sono:
– 6 gennaio: Befana Alpina con accensione “pignarul” epifanico con dolci per i più piccoli.
– Ultima domenica di marzo: Scarpinata del Monte Calvario- trofeo Gen. Sergio Meneguzzo della sezione A.N.A. di Gorizia, marcia non competitiva sui sentieri storici della Grande Guerra e prima vera e propria passeggiata panoramica primaverile aperta a tutti.
– Terza domenica di ottobre: Castagnata Alpina con castagne e ribolla aperta a tutti.
– Primo week end di agosto: Visita in Austria ai gemellati del reparto militare austriaco Kameradschaftsbund della cittadina di Altlichtenwarth.

    Articoli

    Nessun articolo trovato.

    ALPINI: ESEMPIO PER L’ITALIA