Il Gruppo di Monfalcone, in un momento nel quale il Covid condiziona tempi, ritmi e azioni, ha voluto celebrare i suoi 90 anni dalla fondazione in una maniera semplice ma piena di significati che animano gli Alpini e che sono alla base della sua lunga storia.
Domenica 18 ottobre si è tenuto l’alzabandiera davanti al Monumento ai Caduti alla presenza del Vessillo Sezionale, di numerosi gagliardetti alpini, di labari di associazione combattentistiche, del gonfalone del Comune di Monfalcone, dei Sindaci di Monfalcone e Staranzano, seguita dalla deposizione delle corone da parte del sindaco della città dott.ssa Anna Maria Cisint e del capogruppo Aldo Fontana che ha accumunato gli “andati avanti” alpini e i loro amici a quanti hanno dato la vita per la Patria.
E’ seguita la S. Messa che da anni a metà ottobre ricorda i soci e amici in occasione dell’anniversario di fondazione delle Truppe Alpine (quest’ anno il 148°) celebrata da Padre Roberto, alpino e socio del gruppo, e accompagnata dalla corale di S. Ambrogio.
Dopo la cerimonia ha preso la parola la sindaca Anna Maria Cisint che, menzionando anche il particolare momento che stiamo vivendo, ha voluto ringraziare a nome della cittadinanza la fattiva e silenziosa opera che da sempre gli alpini svolgono a all’interno del tessuto sociale della città. Ha ricordato come questa si sia manifestata anche nel 2018 con il raduno alpino in occasione del centenario di unione di Monfalcone all’Italia.
Il Presidente della Sezione ANA di Gorizia Paolo Verdoliva ha rievocato come il Gruppo sia nato nel 1930, primo della bisiacaria, sotto l’ala di quello di Trieste e la fervida attività che lo ha contraddistinto citando fra l’altro la nascita della Fiaccola Alpina e l’intitolazione della scuola di Largo Isonzo ad Amelio Cuzzi.
Infine il capogruppo Aldo Fontana ha rivolto un pensiero di riconoscenza e gratitudine a tutti gli alpini e amici, a quanti lo hanno preceduto alla guida del sodalizio con un pensiero particolare per Gilberto Secco che, vittima dell’amianto, ci ha lasciato in tempi recenti.
Una pergamena opera dell’artista e socio Dario Sanson è stata consegnata alle autorità presenti.